Shabby Chic: come creare l’effetto su mobili e porte


di Vittorio – Restauratore

Oramai parlare di Shabby Chic e di Decape’ non è piu’ una novita’.
Voi, Signore e Signorine, le fautrici di questa tendenza, lo conoscete perfettamente, ma per essere precisi, si tratta di quella finitura particolare, quell’usurato elegante, quel consumato chic che è sempre piu’ richiesto.
Molto spesso, ormai anche sulle porte vecchie ed antiche, mi si chiede di praticare questa finitura, ma quello di cui vi voglio parlare è la reale possibilita’ di praticarlo anche su vecchi mobili, anni Quaranta e Cinquanta, mobili che altrimenti butteremmo via. Non è una tecnica complicata e grazie a queste indicazioni potrete praticarlo voi stesse.

Impariamo allora a dare una nuova vita ai nostri mobili e a poterli rivedere sotto una nuova luce, lo stile shabby chic!

shabby chic


Se avete un vecchio mobile bruttino, anche impellicciato (o impiallacciato) tanto meglio se è in legno massello (o massiccio), è il soggetto perfetto per la nostra tecnica!

Come eseguire da sole lo shabby chic:

  1. Dovete innanzitutto carteggiarlo bene in modo da rimuovere le eventuali vernici (gommalacca o sintetiche) e portare il legno a vista.
  2. Ora, sul legno carteggiato abbastanza finemente, con una vernice ad acqua di colore chiaro (bianco o avorio), dare una o due mani e  lasciar asciugare bene.
  3. A questo punto, con carta abrasiva non troppo grossa cominciate a realizzare il “consumo”, ovvero l’effetto invecchiato e usato tipico dello shabby; l’effetto deve essere creato il piu’ naturalmente possibile, come fosse dato dall’uso quatidiano.
    Il consiglio: carteggiate togliendo un po’ di vernice dapprima dagli angoli, dai bordi, poi dalle zone adiacenti alle maniglie, poi in basso vicino ai piedi o alle gambe, che sono i punti solitamente di maggior usura.
    Ovviamente piu’ toglierete vernice, e cioè colore, piu’ il mobile risultera’ usurato, segnato, consumato, ma non esagerate (anche se non abbiate alcuna preoccupazione,non rovinerete nulla!).
  4. Alla fine, quando l’effetto vi risultera’ gradevole e definitivo, aspiratelo bene dalla polvere e date una mano di una vernice trasparente opaca all’acqua su tutto il mobile  comprese le zone carteggiate.

Lasciate asciugare  ed il Vostro mobile avra’ cambiato look: sara’ uno Shabby Chic!
Tenete presente inoltre che se il legno risulta molto chiaro, tipo l’abete o il pioppo, risultera’ poco marcato il contrasto con la vernice chiara, pertanto potrete eventualmente dare sul legno, dopo la carteggiatura, una mano di una vernice piu’ scura e poi sopra il colore bianco o avorio.

shabby chic
Un mobile o una porta che pensavate ormai passata di moda, che non vi piaceva più e che pensavate di eliminare può tornare ad avere un posto nella vostra casa!

Ovviamente queste sono indicazioni semplificate per chi ama dilettarsi nel fai da te, ma è possibile anche farlo fare a persone specializzate.

Se vi trovaste in difficolta’ nell’esecuzione dello Shabby Chic o vorreste dei consigli personalizzati per il vostro caso, avete tutta la mia disponibilita’ anche per via telefonica.

Trovate tutti i contatti nella scheda personale: Vittorio – Artigiano Restauratore

Vittorio Tortora

La mia passione-professione mi porta a restaurare, cercare, salvare, parlare.

Tutti gli articoli | Sito personale